Inadempimento da parte dell’appaltatore ed il DURC

31

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|9 febbraio 2022| n. 4079.

Inadempimento da parte dell’appaltatore ed il DURC.

In caso di appalto di servizi, a fronte dell’inadempimento, da parte dell’appaltatore, dell’obbligo di presentazione del documento unico di regolarità contributiva (DURC), il committente è legittimato a sospendere il pagamento delle prestazioni, ai sensi dell’art. 1460 c.c., stante la sinallagmaticità del rapporto contrattuale e l’esposizione del committente al rischio di rispondere in solido del versamento degli oneri previdenziali e contributivi ex art. 29 del d.lgs. 10 settembre 2003, n. 276. (Fattispecie in tema di appalto di servizi di pulizia stipulato da un Condominio).

Ordinanza|9 febbraio 2022| n. 4079. Inadempimento da parte dell’appaltatore ed il DURC

Data udienza 21 dicembre 2021

Integrale

Tag/parola chiave: Condominio degli edifici – Amministratore – Attribuzioni – Appalto – Obblighi dell’amministratore – Richiesta all’impresa appaltatrice del documento unico di regolarità contributiva – Sussistenza – Fondamento

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente

Dott. GORJAN Sergio – Consigliere

Dott. CARRATO Aldo – rel. Consigliere

Dott. ABETE Luigi – Consigliere

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso (iscritto al N.R.G. 2027/2017) proposto da:
(OMISSIS), (P.I.: (OMISSIS)), in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa, in virtu’ di procura speciale apposta in calce al ricorso, dall’Avv. (OMISSIS), ed elettivamente domiciliata presso il suo studio, in (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
CONDOMINIO (OMISSIS), (C.F.: (OMISSIS)), in persona dell’amministratore pro tempore, rappresentato e difesa, a mezzo di procura speciale apposta a margine del controricorso, dall’Avv. (OMISSIS), ed elettivamente domiciliato presso il suo studio, in (OMISSIS);
– controricorrente –
avverso la sentenza della Corte di appello di Roma n. 4124/2016 (pubblicata in data 24 giugno 2016);
udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 21 dicembre 2021 dal Consigliere relatore Dott. Aldo Carrato;
letta la memoria depositata dalla difesa della ricorrente ai sensi dell’articolo 380-bis.1 c.p.c..

Inadempimento da parte dell’appaltatore ed il DURC

RITENUTO IN FATTO

1. Il (OMISSIS), proponeva tempestiva opposizione avverso il decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo n. 910/2011 emesso dal Tribunale di Velletri su ricorso della (OMISSIS) per l’importo di Euro 10.008,48, oltre interessi e spese, a titolo di corrispettivo per i servizi di pulizia al fabbricato condominiale eseguiti dalla stessa societa’, sostenendo, in particolare, che il contratto di appalto intercorrente tra le parti doveva considerarsi affetto da nullita’ siccome l’appaltatrice non aveva consegnato il documento unico di regolarita’ contributiva (c.d. DURC), donde esso opponente aveva sospeso il pagamento del corrispettivo, oltretutto richiesto sulla base di fatture, come tali costituenti meri documenti unilaterali.
Nella costituzione dell’opposta ed all’esito dell’espletata istruzione probatoria, l’adito Tribunale, con sentenza n. 118/2014, accoglieva l’opposizione e, per l’effetto, revocava l’emesso decreto ingiuntivo a carico dell’opponente. A sostegno dell’adottata decisione il giudice di primo grado osservava che, in mancanza del DURC per il periodo a cui si riferivano le fatture poste a fondamento del ricorso monitorio, non poteva che configurarsi una responsabilita’ solidale del Condominio insieme alla Cooperativa appaltatrice per la irregolare posizione contributiva e fiscale dei dipendenti di quest’ultima, sicche’ del tutto legittimamente il Condominio aveva sospeso il pagamento del corrispettivo, facendo applicazione del principio di cui all’articolo 1460 c.c..
2. Pronunciando sull’appello formulato dall’opposta soccombente, cui resisteva il Condominio appellato, la Corte di appello di Roma, con sentenza n. 4124/2016 (pubblicata il 24 giugno 2016), rigettava il gravame e confermava l’impugnata sentenza, condannando l’appellante alla rifusione delle spese del grado.
A fondamento dell’emanata sentenza la Corte laziale rilevava, innanzitutto, che la produzione relativa al DURC da parte della Cooperativa doveva ritenersi insufficiente, non avendo essa allegata la documentazione proveniente dalla sede centrale dell’INPS e/o da tutte le sedi competenti a conoscere delle posizioni assicurative sul territorio.
Osservava, poi, il giudice di appello che correttamente il Tribunale aveva ritenuto applicabile la disciplina dell’articolo 1460 c.c., dal momento che non poteva ritenersi sussistente l’equilibrio contrattuale derivante dalla sua sinallagmaticita’, poiche’ la prestazione della Cooperativa, ancorche’ materialmente eseguita, aveva esposto a rischio il Condominio per l’esazione, a carico dello stesso, degli oneri previdenziali e contributivi ai sensi del Decreto Legislativo n. 276 del 2002, articolo 29, circostanza poi effettivamente verificatasi a seguito della notificazione del verbale di accertamento dell’INPS elevato nel 2013 nei confronti dello stesso Condominio.
3. Avverso la sentenza di appello ha proposto ricorso per cassazione, riferito a due motivi, la (OMISSIS). Si e’ costituito con controricorso l’intimato (OMISSIS).
La difesa della ricorrente ha anche depositato memoria ai sensi dell’articolo 380-bis.1 c.p.c..

 

Inadempimento da parte dell’appaltatore ed il DURC

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Con il primo motivo la ricorrente ha denunciato – ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5 – l’omesso esame circa fatti decisivi per il giudizio che erano stati oggetto di discussione fra le parti.
In particolare la (OMISSIS) riconduce tale doglianza alla non veridicita’ delle circostanze acclarate della Corte di appello sul fatto che tra le parti fosse stato regolarmente sottoscritto un contratto di appalto dei servizi di pulizia (anziche’ solo verbale), sulla circostanza che il Condominio avesse piu’ volte richiesto ad essa ricorrente la documentazione attestante la sua regolarita’ contributiva e previdenziale e che essa non gliela avesse mai fornita e sul fatto che in atti non risultasse un DURC in regola (nel mentre era stata depositata la dichiarazione di regolarita’ sia contributiva che previdenziale, rispettivamente dell’INPS e dell’INAIL).
2. Con la seconda censura la ricorrente ha dedotto – in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3 – la violazione e falsa applicazione della disciplina riguardante il DURC e del Decreto Legislativo n. 276 del 2003, articolo 29 e articolo 1460 c.c..
A sostegno di tale mezzo la ricorrente intende far rilevare che essa non era tenuta ad assolvere l’obbligo di munirsi del DURC nella fase del pagamento e che, inoltre, si sarebbe dovuto ritenere inapplicabile del Decreto Legislativo n. 276 del 2003, richiamato articolo 29, poiche’ il Condominio non esercita attivita’ di impresa e non e’ dotato di personalita’ giuridica. In ogni caso, aggiunge la ricorrente, la presenza di un DURC in regola, seppure successivo al tempo dell’emissione delle fatture, l’avrebbe pienamente legittimata a vedersi accreditata la somma richiesta e non contestata, con la conseguente errata applicazione, nella fattispecie, del citato articolo 1460 c.c..
3. Rileva il collegio che il primo motivo e’ inammissibile perche’ – mediante la denuncia del vizio di cui dell’articolo 360 c.p.c., n. 5) – la ricorrente ha, in effetti, inteso far valere non l’omissione dell’esame di fatti decisivi (che, invece, sono stati valutati) bensi’ la non veridicita’ dei fatti stessi (per come desumibile incontestabilmente dallo svolgimento del motivo e dall’affermazione inequivocabile che le circostanze indicate non erano affatto veritiere: cfr. pag. 12 del ricorso) come ritenuti dalla Corte di appello, che, pertanto, li ha comunque presi in considerazione, restando irrilevante l’eventuale erroneita’ o falsita’ di tale esame.
4. La seconda censura e’, invece, priva di fondamento e deve, percio’, essere rigettata.
Occorre osservare che, nella vicenda oggetto di controversia, si versa in un caso di appalto di servizi concluso tra un Condominio ed un’impresa di pulizia, in cui il primo e’ appaltante-committente (ovvero, comunque, datore di lavoro della ditta di pulizie) ed alla stregua della disciplina in materia e degli scopi dalla stessa tutelati circa la necessita’ della verifica della legittima posizione contributiva e previdenziale dei dipendenti della ditta appaltatrice e della conseguente configurabilita’ della responsabilita’ solidale tra appaltante e la stessa appaltatrice, e’ indubbio che l’impresa di pulizia (oggi ricorrente) era tenuta alla presentazione del DURC, tanto e’ vero che l’INPS ha notificato apposito verbale di accertamento a carico del Condominio, in applicazione del Decreto Legislativo n. 276 del 2003, articolo 29, comma 2.
E’ evidente che il tenore letterale e la ratio della norma appena indicata sono intesi ad incentivare il corretto utilizzo dei contratti di appalto, inducendo il committente a selezionare imprenditori affidabili, per evitare che i meccanismi di decentramento e di dissociazione tra titolarita’ del contratto di lavoro e utilizzazione della prestazione vadano a danno del lavoratore (Cass. 7 dicembre 2018, n. 31768).
Inoltre, deve rimarcarsi che la logica della solidarieta’ tra l’appaltatore ed il committente, che garantisce il lavoratore circa il pagamento dei trattamenti retributivi dovuti in relazione all’appalto cui ha personalmente dedicato le proprie energie lavorative, nonche’ il dato testuale della norma, che fa riferimento al periodo di esecuzione del relativo contratto, impongono di ritenere che la solidarieta’ sussista solo per i crediti maturati con riguardo al periodo del rapporto stesso, con esclusione di quelli sorti in altri periodi.

 

Inadempimento da parte dell’appaltatore ed il DURC

Sulla base di questo quadro generale e’ consequenziale rilevare che l’amministratore di condominio e’ tenuto a chiedere alle aziende tutti i documenti necessari a dimostrare la loro regolarita’ a livello legale e di tutela della sicurezza dei dipendenti e il DURC e’ proprio uno dei documenti principali da esigere per capire se un’impresa di pulizie e’ idonea ad operare all’interno del condominio. Il documento unico di regolarita’ contributiva costituisce, infatti, la certificazione che devono avere le aziende o i professionisti per comprovare l’effettivita’ dell’avvenuto pagamento dei contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori, ragion per cui e’ solo dal suo regolare possesso che puo’ desumersi la certezza che sia stato corrisposto tutto quanto dovuto, a tal titolo, all’INPS e all’INAIL.
Cio’ chiarito, deve, a proposito della controversia qui in esame, ritenersi che – con valutazione di merito adeguata e, percio’, insindacabile nella presente sede di legittimita’ – la Corte di appello ha, invero, accertato l’inidoneita’ e, comunque, l’insufficienza della documentazione prodotta dall’odierna ricorrente rispetto al completo assolvimento dell’obbligo della presentazione del DURC (condizione, questa, invece compiutamente soddisfatta nella fattispecie esaminata nella sentenza allegata dalla stessa (OMISSIS) alla memoria depositata ai sensi dell’articolo 380-bis.1 c.p.c.). In particolare, la Corte territoriale ha – come gia’ posto in risalto – constatato che la documentazione prodotta in giudizio dall’odierna ricorrente non proveniva dalla sede centrale dell’INPS e, comunque, da tutte le sedi competenti a conoscere e disporre delle sue posizioni assicurative sul territorio, con la conseguenza che i DURC acquisiti agli atti del giudizio erano comunque da ritenersi insufficienti e/o parzialmente sufficienti a fornire il riscontro circa la suddetta regolarita’ contributiva e previdenziale in relazione ai periodi cui si riferivano le contestate fatture emesse dalla societa’ (OMISSIS) (dalla stessa poste a fondamento del ricorso per decreto ingiuntivo).
Pertanto, stante la sinallagmaticita’ del rapporto contrattuale, il giudice di secondo grado ha ritenuto legittimamente operante e, quindi, applicabile l’articolo 1460 c.c., perche’ – a fronte della mancata o, comunque, inesatta esecuzione del predetto obbligo da parte dell’impresa di pulizie e, quindi, dell’esposizione a rischio del Condominio di provvedere, quale responsabile in solido, al versamento degli oneri previdenziali e contributivi ai sensi del Decreto Legislativo n. 276 del 2003, citato articolo 29, rischio poi concretizzatosi attraverso l’elevazione del verbale di accertamento Inps notificatogli per la violazione di detta norma – il Condominio stesso era legittimato a sospendere il pagamento delle prestazioni della ditta di pulizia, non sortendo, al riguardo, efficacia le fatture dalla stessa emesse.

 

Inadempimento da parte dell’appaltatore ed il DURC

5. In definitiva, alla stregua delle ragioni complessivamente svolte, il ricorso deve essere respinto, con la conseguente condanna della societa’ ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio, che si liquidano nei sensi di cui in dispositivo.
Infine, ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, occorre dare atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis, se dovuto.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio, che si liquidano in complessivi Euro 2.500,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre contributo forfettario, iva e cpa nella misura e sulle voci come per legge.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, da’ atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis, se dovuto.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui