Procedimento speciale di liquidazione di onorari avvocato

51

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|25 febbraio 2022| n. 6321.

In tema di procedimento speciale di liquidazione di onorari avvocato per prestazioni civili ex art. 14 d.lgs. n. 150 del 2011, qualora sia proposta una domanda (riconvenzionale, di compensazione o di accertamento incidentale) che amplii l’oggetto del giudizio, senza esorbitare dalla competenza del giudice adito, e che, prestandosi ad un’istruzione sommaria, sia trattata con il procedimento di cui all’art. 702-bis c.p.c., la relativa decisione deve essere impugnata con l’appello ai sensi dell’art. 702-quater c.p.c. e non con il ricorso immediato per cassazione, essendo quest’ultimo limitato alle sole controversie rientranti nella previsione del menzionato art. 14 e, dunque, a quelle di condanna del cliente al pagamento delle spettanze giudiziali di avvocato, già previste dall’art. 28, l. n. 794 del 1942.

Ordinanza|25 febbraio 2022| n. 6321. Procedimento speciale di liquidazione di onorari avvocato

Data udienza 14 settembre 2021

Integrale

Tag/parola chiave: ARTI E PROFESSIONI INTELLETTUALI – AVVOCATO – ONORARIO

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GORJAN Sergio – Presidente

Dott. BERTUZZI Mario – Consigliere

Dott. FALASCHI Milena – rel. Consigliere

Dott. ABETE Luigi – Consigliere

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso icritto al n. 2573/2017 R.G. proposto da:
(OMISSIS), e (OMISSIS), rappresentati e difesi dagli Avv. (OMISSIS) del foro di La Spezia e (OMISSIS), del foro di Roma, con domicilio eletto in (OMISSIS), presso lo studio del secondo difensore;
– ricorrenti –
contro
(OMISSIS), e (OMISSIS), rappresentati e difesi dall’Avv. (OMISSIS), del foro della Spezia, con domicilio eletto in (OMISSIS), presso lo studio del prof. Avv. (OMISSIS);
– controricorrenti e ricorrenti incidentali –
avverso l’ordinanza del Tribunale di Massa n. 7871 depositata il 23 dicembre 2016;
Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 14 settembre 2021 dal Consigliere Dott. Milena Falaschi.

Procedimento speciale di liquidazione di onorari avvocato

OSSERVA IN FATTO E IN DIRITTO

Ritenuto che:
– il Tribunale di Massa, in data 12 aprile 2016, su ricorso degli avv.ti (OMISSIS) e (OMISSIS), emetteva decreto ingiuntivo n. 234/2016 con il quale intimava a (OMISSIS) e (OMISSIS), in qualita’ quest’ultimo di fideiussore del primo, di corrispondere le spettanze professionali pari ad Euro 33.474,25 per le prestazioni svolte in giudizi civili e in una procedura arbitrale (afferenti a contenzioso con (OMISSIS) e la (OMISSIS) s.r.l.) in favore del cliente (OMISSIS);
– sull’opposizione Decreto Legislativo n. 150 del 2011, ex articolo 14 proposta da entrambi gli intimati, il Tribunale di Massa, con ordinanza n. 7871 del 2016, in parziale accoglimento dell’opposizione, respingeva l’opposizione proposta da (OMISSIS), mentre revocava la condanna sommaria nei confronti di (OMISSIS), rigettando la domanda proposta dagli avvocati nei confronti di quest’ultimo.
In particolare, quanto al credito di cui all’articolo 2233 c.c., il Tribunale di Massa accertava la non contestazione dello stesso, anche con riferimento all’ammontare della residua obbligazione dedotta con il ricorso ex articolo 638 c.p.c. alla luce della dichiarazione confessoria resa dal cliente opponente, di cui alla missiva del 25 novembre 2015. In ordine alla garanzia fideiussoria, il giudice affermava che la fonte di detta garanzia, di cui alla scrittura privata del 15 gennaio 2016, non individuava alcuna garanzia in senso tecnico per il pagamento del debito altrui e che non risultava dedotto, neppure genericamente, l’impegno a garantire l’adempimento di cui all’articolo 1936 c.c. riferito all’obbligazione di cui all’articolo 2233 c.c.;
– per la cassazione dell’ordinanza del Tribunale di Massa propongono ricorso gli avv.ti (OMISSIS) e (OMISSIS) fondato su tre motivi, cui resistono con controricorso, contenente anche ricorso incidentale fondato su due motivi, (OMISSIS) e (OMISSIS);
– in prossimita’ dell’adunanza camerale parte ricorrente ha curato il deposito di memoria illustrativa.
Atteso che:
– va preliminarmente esaminata l’ammissibilita’ del ricorso principale che con i tre motivi di censura si duole della decisione del Tribunale relativamente alla posizione del solo (OMISSIS), padre di (OMISSIS).
La controversia ha ad oggetto la richiesta dei ricorrenti di liquidazione dei compensi maturati per l’attivita’ prestata in sede civile e in procedura arbitrale in favore di (OMISSIS), credito garantito dal fideiussore (OMISSIS).

 

Procedimento speciale di liquidazione di onorari avvocato

Tanto precisato, va premesso che l’individuazione del mezzo di impugnazione esperibile contro un provvedimento giurisdizionale va effettuata facendo esclusivo riferimento alla qualificazione data dal giudice all’azione proposta con il provvedimento impugnato, a prescindere dalla sua esattezza e dalla qualificazione data dalla parte, in base al principio dell’apparenza, e tanto al fine di escludere che la parte possa conoscere ex post, ad impugnazione avvenuta, quale era il mezzo di impugnazione esperibile (Cass. n. 4909 del 2018).
Orbene, in linea con la piu’ recente giurisprudenza di questa Corte, anche in seguito all’entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 150 del 2011, articolo 14 al fine di stabilire il regime di impugnazione del provvedimento con cui si liquidano gli onorari e le altre spettanze dovuti dal cliente al proprio difensore per prestazioni giudiziali civili, assume rilevanza la forma adottata dal giudice in base alla qualificazione che egli abbia dato, implicitamente o esplicitamente, all’azione esercitata in giudizio (Cass. n. 26347 del 2019; Cass. n. 4904 del 2018).
Cio’ posto, nella specie, e’ vero che la controversia di cui alla L. n. 794 del 1942, articolo 28 introdotta sia ai sensi dell’articolo 702 bis c.p.c., sia in via monitoria, e avente ad oggetto la domanda di condanna del cliente al pagamento delle spettanze giudiziali dell’avvocato, resta soggetta al rito di cui al Decreto Legislativo n. 150 del 2011, articolo 14 anche ove il cliente sollevi contestazioni relative all’esistenza del rapporto o, in genere, all'”an debeatur, ma e’ anche vero che qualora venga ampliato l’oggetto del giudizio con la proposizione di una domanda (riconvenzionale, di compensazione o di accertamento pregiudiziale) non esorbitante dalla competenza del giudice adito ai sensi dell’articolo 14 Decreto Legislativo cit., la trattazione di quest’ultima dovra’ avvenire, ove si presti ad un’istruttoria sommaria, con il rito sommario (congiuntamente a quella proposta ex articolo 14 dal professionista) e, in caso contrario, con il rito ordinario a cognizione piena (ed eventualmente con un rito speciale a cognizione piena), previa separazione delle domande (Cass., Sez. Un., n. 4485 del 2018; Cass. n. 3687 del 2021, da ultimo).

 

Procedimento speciale di liquidazione di onorari avvocato

Il Decreto Legislativo n. 150 del 2011, articolo 14 infatti, prevede che il procedimento sommario speciale ivi dettato si applichi alle sole controversie di cui alla L. n. 794 del 1942, articolo 28 che appunto attiene ai soli compensi per prestazioni giudiziali in materia civile, resta preclusa nella fattispecie la possibilita’ di invocare il regime processuale, anche impugnatorio di cui al menzionato articolo 14 (in tal senso, anche in ragione degli effetti dell’entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 150 del 2011, si veda Cass., Sez. Un., n. 25938 del 2018, che nell’affermare la giurisdizione ordinaria per la controversia instaurata dall’avvocato per recuperare il credito professionale vantato nei confronti del cliente per prestazioni rese innanzi al giudice tributario, trattandosi di contenzioso eterogeneo rispetto alla materia attribuita a quest’ultimo Decreto Legislativo n. 546 del 2002, ex articolo 2 ha reputato non applicabile il Decreto Legislativo n. 150 del 2011, articolo 14 che e’ norma sulla competenza e non sulla giurisdizione, relativa alle sole attivita’ professionali svolte nel processo civile, con esclusione di quello penale, amministrativo o davanti ai giudici speciali).
Anche nell’ipotesi di ampliamento dell’oggetto del giudizio, ai fini di individuare il regime impugnatorio, occorre far riferimento alla qualificazione data dal giudice a ciascuna azione, in applicazione del principio di diritto sopra richiamato.
Nella specie, il giudice di merito, in relazione all’opposizione proposta da (OMISSIS) padre, ha ritenuto non necessaria un’ulteriore attivita’ istruttoria, decidendo la relativa domanda sulla base delle prove precostituite e allegate dalle parti, con conseguente trattazione della questione con rito sommario ex articolo 702 bis c.p.c. e cio’ ha consentito di non separare le domande.

 

Procedimento speciale di liquidazione di onorari avvocato

Ne deriva che trattandosi quindi di domanda che andava proposta nelle forme del processo ordinario di cognizione o, in alternativa, secondo le modalita’ di cui al procedimento sommario di cognizione, essendo all’evidenza una causa attribuita alla competenza del tribunale in composizione monocratica, a fronte della scelta del ricorrente di avvalersi della previsione di cui all’articolo 702 bis c.p.c., la decisione presa dal giudice adito andava impugnata ai sensi dell’articolo 702 quater c.p.c. e cioe’ con l’appello, non essendo dato l’immediato ricorso in cassazione, che e’ limitato alle decisioni rese nelle controversie rientranti nella previsione di cui al menzionato articolo 14 (per identica conclusione, in relazione alla controversia intentata dal professionista per il recupero ai sensi dell’articolo 702 bis c.p.c. dei compensi asseritamente maturati per attivita’ difensiva in ambito tributario, si veda Cass. n. 19102 del 2019; di recente v. Cass. n. 6817 n. 2021).
L’erronea scelta del rimedio impugnatorio comporta l’inammissibilita’ del ricorso principale;
– passando all’esame del ricorso incidentale, va preliminarmente dichiarata l’inammissibilita’ del ricorso incidentale in relazione alla parte dell’impugnazione che esplica doglianze da riferire alla posizione di (OMISSIS). Difatti, in linea con i principi sopra affermati, il (OMISSIS) padre avrebbe dovuto impugnare il provvedimento in sede di appello e non con ricorso straordinario per cassazione, potendo quest’ultimo mezzo essere esperito dal solo (OMISSIS), in quanto solo in relazione alla sua opposizione trova applicazione la disciplina di cui al Decreto Legislativo n. 150 del 2011, articolo 14.
A tal proposito, limitatamente alla posizione del (OMISSIS) figlio, il ricorso incidentale puo’ essere esaminato nel merito essendo stato tempestivamente proposto;
– con il primo motivo, erroneamente indicato come “IV”, il ricorrente incidentale Michelangelo lamenta, ex articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione dell’articolo 100 c.p.c. e dell’articolo 2225 c.c., articolo 2233 c.c., comma 3, articolo 2702 c.c., nonche’ dell’articolo 1453 c.c. per l’insussistenza dell’interesse ad agire dei creditori a fronte della mancanza dei presupposti di liquidita’ ed esigibilita’ del credito oggetto del giudizio, essendosi le parti accordate per la rateizzazione del pagamento.
Piu’ precisamente, il ricorrente incidentale sostiene che gli unici ad essere inadempimenti ex articolo 1453 c.c. al patto di pagamento rateale del compenso ex articolo 2275 c.c. e articolo 2333 c.c., comma 3 sarebbero le controparti che, procedendo in sede monitoria per il recupero del credito vantato, avrebbero violato gli accordi presi. Il (OMISSIS) ritiene, infatti, che il giudice di merito avrebbe mal interpretato la documentazione allegata in atti, precisando che con la missiva del 25 novembre 2015, dopo aver riconosciuto l’esistenza del credito degli avvocati, avrebbe manifestato l’intenzione di provvedere a corrispondere, a partire dal gennaio 2016, una rata mensile di 500,00 Euro sino all’estinzione del debito, intenzione che gli avv.ti (OMISSIS) avrebbero accettato per facta concludentia.
Il motivo e’ inammissibile in quanto verte su una questione nuova
A tal riguardo, va ribadito che secondo giurisprudenza consolidata di questa Corte, nel giudizio di cassazione non si posso prospettare nuove questioni di diritto ovvero nuovi temi di contestazione che implichino indagini ed accertamenti di fatto non effettuati dal giudice di merito, nemmeno se si tratta di questioni rilevabili d’ufficio (Cass. n. 19164 del 2007; Cass. n. 25319 del 2017; Cass. n. 20712 del 2018).
Di converso parte ricorrente incidentale non chiarisce quando e con quale atto avrebbe dedotto in giudizio di avere concordato la rateizzazione del credito.
Il giudice di merito ha esaminato tutte le scritture che entrambe le parti hanno allegato alle rispettive difese, giungendo al convincimento di cui sopra, non censurabile in questa sede in virtu’ dei principi sopra richiamati.
La doglianza, pertanto, mira ad una diversa valutazione dei documenti probatori allegati dalle parti, come tale inammissibile in sede di legittimita’;
– con il secondo motivo, erroneamente indicato come “V”, il ricorrente incidentale lamenta, ex articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione dell’articolo 92 c.p.c., comma 2 e articolo 88 c.p.c. in ordine alla compensazione delle spese di primo grado ed alla violazione del principio di lealta’ e probita’ da parte dei ricorrenti principali.
Il motivo e’ inammissibile.
Relativamente alla posizione di (OMISSIS), e’ pacifico nella giurisprudenza di questa Corte che la nozione di soccombenza reciproca, che consente la compensazione parziale o totale delle spese processuali, sottende una pluralita’ di domande contrapposte, accolte o rigettate, che si siano trovate in cumulo nel medesimo processo fra le stesse parti, ovvero l’accoglimento parziale dell’unica domanda proposta, allorche’ essa sia stata articolata in piu’ capi e ne siano stati accolti uno o alcuni e rigettati gli altri, ovvero una parzialita’ dell’accoglimento anche meramente quantitativa, riguardante una domanda articolata in unico capo (Cass. n. 10113 del 2018).
Peraltro, in materia di procedimento civile, sussistono “giusti motivi” di compensazione delle spese di giudizio ai sensi dell’articolo 92 c.p.c., comma 2 qualora la parte, pur giudizialmente vittoriosa, condivida con la controparte la “responsabilita’” della lite, in considerazione della non inequivocita’ della pattuizione, di tenore idoneo ad ingenerare plurime possibili opzioni interpretative, che ne costituisce la fonte (Cass. n. 18238 del 2003).
Nella specie, il Tribunale di Massa, facendo buon governo dei principi richiamati, ha compensato le spese di lite in ragione dell’esito complessivo dell’opposizione.
Conclusivamente, va dichiarata l’inammissibilita’ di entrambi i ricorsi, principale e incidentale.
Le spese del giudizio di legittimita’, stante la reciproca soccombenza, vanno interamente compensate fra le parti.
Poiche’ i ricorsi sono stati proposti successivamente al 30 gennaio 2013 e sono stati dichiarati inammissibili, sussistono le condizioni per dare atto – ai sensi della L. 24 dicembre 2012, n. 228, articolo 1, comma 17 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – Legge di stabilita’ 2013), che ha aggiunto il comma 1-quater del testo unico di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13 – della sussistenza dell’obbligo di versamento, sia da parte dei ricorrenti principali sia da parte dei ricorrenti incidentali, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per la stessa impugnazione, se dovuto.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibili entrambi i ricorsi;
dichiara interamente compensate fra le parti le spese del giudizio di legittimita’.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, si da’ atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte dei ricorrenti principali e dei ricorrenti incidentali di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis se dovuto.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui